Vasto e dintorni

Immersa nel verde degli oliveti e negli azzurri specchianti del Mar Adriatico, Vasto è una località di notevole interesse storico, archeologico e naturalistico. A 144 metri sul livello del mare, la città comprende nel suo territorio chilometri di litorale, in cui spiagge di dorata arenaria si alternano a cale e lidi sassosi popolati dagli esemplari della tipica flora mediterranea. Oltre che nella stazione balneare di Vasto Marina, dotata di tutti i comfort turistici, il mare mostra il suo fascino nell’area protetta di Punta Penna e Punta Aderci, nonché lungo la costa caratterizzata da scogli e trabocchi.

Da vedere a Vasto: Cattedrale di San Giuseppe, Chiesa di Santa Maria Maggiore, Chiesa di Maria Santissima del Carmine, Chiesa di San Michele Arcangelo, Chiesa di Sant’Antonio da Padova e ruderi del convento di San Francesco d’Assisi, Ruderi della chiesa di San Pietro, Resti della chiesa di Santa Croce, Chiesa di Santa Maria di Pennaluce (a Punta della Penna), Chiesa di Stella Maris, sita nella piazza principale della frazione di Vasto Marina. Palazzi: Palazzo D’Avalos, Palazzo della Penna. Castelli: Castello Caldoresco (o di Caldora). Musei: Musei di Palazzo d’Avalos.

I ruderi di Histonium (chiamata all’epoca di municipio Romano): La Piazza Rossetti conserva la forma ellissoidale dell’anfiteatro, In via Cavour sono presenti i ruderi delle cisterne di Santa Chiara realizzate in opus signinum, In Via Adriatica vi sono le terme risalenti al II secolo d. C. suddiviso in tre livelli.

Riserva naturale di Punta Aderci

La Riserva di Punta Aderci comprende un tratto di costa dalla foce del Sinello a Punta della Lota, nel Comune di Vasto (Chieti). La falesia di Punta Aderci si affaccia sul mare con dirupi alti anche decine di metri e con pendenze relativamente dolci (Spiaggetta contigua al Porto di Vasto). È possibile distinguere la zona pianeggiante, sovrastante la falesia, dai terreni in pendenza verso i valloni, seguendo idealmente la linea di costa. Le spiagge sono gli habitat abruzzesi più rari, continuamente ripulite per esigenze turistiche. Le piante della costa subiscono una continua selezione, che le rende sempre più specializzate, adattate, nel corso della loro storia evolutiva, a vivere in condizioni severe quali l’aridità e la mobilità della sabbia, la carenza di elementi nutritivi, l’aerosol e gli spruzzi del mare, il vento e il forte irraggiamento estivo.

Questa splendida riserva tutela il tratto di costa naturalisticamente più pregevole dell’intero Abruzzo. Punta Aderci è un susseguirsi di spiagge di sabbia e ciottoli, di falesie e scogliere, di paesaggi agricoli e macchia mediterranea, di tonalità marine verdi e blu, di ambiente dunale integro e di un rosso tramonto che retroillumina le montagne di tre parchi nazionali (Majella, Gran Sasso-Laga e Monti Sibillini). Punta Aderci è da scoprire al passo lento dei nostri piedi, in bicicletta, in canoa godendosi la tranquillità delle spiagge e del mare di “Libertine” o Mottagrossa. La riserva si estende per 5 km di costa su circa 285 ettari che arrivano a 400 con l’Area di protezione esterna. I suoi simboli sono il fratino, che nidifica sulle dune, lo sparto pungente, protagonisti della vita animale e vegetale della spiaggia di Punta Penna.

Vista spiaggia di Punta Aderci

puntaderci

Sito ufficiale www.puntaderci.it

tremiti

Isole Tremiti

A circa 12 miglia al largo del Gargano si trovano le Isole Tremiti, definite per la loro incantevole ed incontaminata bellezza “le perle dell’Adriatico”. Il piccolo arcipelago è costituito dalle isole di San Nicola, San Domino, Cretaccio, Caprara e, a circa 11 miglia da queste, dall’isola di Pianosa. Le acque cristalline delle Tremiti attirano ogni anno migliaia di turisti. L’arcipelago delle Isole Tremiti in provincia di Foggia, dette anche isole Diomedee, sono meta preferita di moltissimi turisti amanti della natura e della tranquillità. Le perle di questo magnifico arcipelago sono San Nicola, San Domino, Cretaccio, Caprara e Pianosa. Alcune foto delle Isole tremiti.

Sito ufficiale www.isoletremiti.it

Parco Nazionale d’Abruzzo e della Maiella

Basta guardare verso l’entroterra per scorgere le vicine colline e montagne abruzzesi. Raggiungerle è semplice in quanto molto vicine alla costa, e con paesaggi mozzafiato vi regaleranno emozioni indimenticabili. Tra le montagne abruzzesi da visitare il Parco Nazionale d’Abruzzo, quella della Maiella (i più vicini alla città), il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e per concludere il Parco Regionale del Sirente-Velino. Tutti da scoprire i paesi che attraversano le aree dei parchi.

Padre Pio (San Giovanni Rotondo)

Da Vasto è facilmente raggiungibile anche San Giovanni Rotondo per chi voglia far visita al Santuario di Padre Pio.